Timone 8/2019

Intervista a klub zin

È finita l’estate, ma fa caldo. Però poi fa freddo. Però c’è umido. Non ne possiamo più. Allora abbiamo deciso di fare una bellissima variazione sul tema e intervistare klub zin, una rivista di fumetti e illustrazioni polacca.

Lo abbiamo chiesto a Lavinia Michela Caradonna, che oltre a essere parte della nostra famiglia (cura per noi le comunicazioni, ed è una speaker di Querty), è anche l’esperta di fumetti cui facciamo riferimento. Se non avete mai letto la sua Plutocratica sicumera, iscrivetevi: la migliore newsletter sul fumetto che troverete.


Raccontaci in un tweet (ma di quelli da 140 caratteri) che cosa fa klub zin.

klub zin è magazine internazionale di illustrazione e fumetto, con sede a Cracovia, Polonia 📚💗✨

Ok, adesso puoi anche elaborare una risposta più lunga.

Spero che tu abbia incluso le emoji, sono probabilmente il nocciolo di tutto! klub zin è il progetto principale di Wydawnictwo Klub, pubblichiamo anche libri a fumetti di singoli artisti. Il più recente, "Into the White" di Ala Flora, è stato recentemente finanziato tramite Kickstarter. L'idea per questo progetto è nata nel 2016, quando è stato pubblicato il primo numero di klub zin, da quel momento in avanti, pubblichiamo un nuovo numero di klub zin all'anno. È un'antologia con fumetti e illustrazioni di artisti provenienti da tutto il mondo: ogni numero ha un tema, qualcosa di molto semplice, così da poterlo interpretare il più possibile. A tutti gli artisti selezionati è data massima libertà di fare quello che vogliono, cerco di fare in modo che tutti si divertano il più possibile.

Chi è che fa klub zin?

Uso moltissimo il "noi", ma in realtà sono solo io. Mi chiamo Anna e ho un gatto nero di nome Czosnek. Lui non aiuta molto.

Qual è il vostro metodo di lavoro? Cos’è che fate perché klub zin funzioni?

Semplicemente la adoro. Quando inizio a pensare a un nuovo numero mi vengono i brividi dall'emozione e non vedo l'ora di vederlo completato. Nel mentre ci sono un sacco di attese e un sacco di stress, mettere tutto insieme in un libro e mandarlo agli stampatori in tempo è un processo mortale, a volte. Devo dire che al momento sono riuscita a trovare un buon equilibrio sul quando cominciare a scrivere agli artisti, le varie scadenze, etc. Per i singoli volumi a fumetti è un processo molto più rilassante, invece.

Avete un budget dedicato? Se sì, quali sono state le vostre priorità? Copre tutte le cose tecniche (server, dominio, stampe, quelle cose pratiche)?

Il mio budget per klub zin è... Be', è il mio personale. Tutto ciò che uno studente (ora un laureato, ancora peggio) può permettersi. Ho lavorato un po' durante l'Università, ma è stata molto dura, pubblicare su larga scala è abbastanza costoso. Pensa che per poter pubblicare il #2 di klub zin sono dovuta tornare a vivere con mia madre dopo cinque anni da sola. Ho provato però la strada di Kickstarter con il #3 e mi è parso di poter finanziare più progetti in questo modo. Certo, non tutto è andato liscio, però è sempre un po' di peso in meno dalle mie spalle. Il mio amico Jakub e io abbiamo anche aperto bubipop, una galleria dedicata all'illustrazione e al fumetto a Cracovia e sono molto contenta. Vorrei cercare di lavorare per fare in modo che la mia passione mi permetta di vivere. Dopodiché, penso che mi prenderò una bella vacanza in qualche luogo caldo! :)


Puoi seguirci anche sui nostri canali social (TwitterInstagramFacebook), e sul nostro sito. E amiamo molto le care vecchie email!

Timone è la newsletter delle riviste prodotta da una rivista, che è inutile.
Per sostenere Timone e inutile: vai a questa pagina e vedi cosa puoi fare ❤️


visita il nostro sito

Loading more posts…